1. “La Natura seduce la Città”

Orticolario . Mema Giardini
Ilaria Menici, garden designer, per Mema Giardini

Il concept

Un abbraccio che si intrattiene tra natura e città, all’insegna di una sempre più vitale interdipendenza. Ecco l’immagine della seduzione. Non la demonizzazione della città in quanto tale, non l’elogio della natura in se stessa, bensì un abbraccio dal quale si genera – e si protegge! – una nuova consapevolezza.

L’intervista

L’ultimo libro che hai letto? E il prossimo?
Sapiens. Da animali a Dei: breve storia dell’umanità. di Yuval Noah Harari. Il prossimo sarà la trilogia di Holt di Kent Haruf.

Il tuo prossimo viaggio?
Vorrei, se possibile, poter tornare in Sicilia, luogo che sintetizza perfettamente classicità, natura ed urbanizzazione.

Colore preferito?
Tutti i colori caldi dell’autunno, dal giallo all’arancio, dal marrone al vermiglio fino al verde scuro. Li adoro perché scaldano l’anima e creano un’unione fra la terra ed il cielo.

La pianta che ti sta più a cuore?
Sicuramente il Faggio, custode della conoscenza.

Dove vorresti vivere?
In qualsiasi posto purché nella natura e circondata da molti animali.

La tua epoca storica preferita?
Sono molto affascinata dagli anni della rivoluzione industriale, per le profonde trasformazioni socio-culturali ma soprattutto per come ha cambiato l’aspetto delle città.

Attraverso poche parole, ci descrivi una scena che per te rappresenta “bellezza ed eleganza”?
Le incisioni di Giovan Battista Piranesi “Le Vedute di Roma” raffiguranti  rovine classiche travolte da una natura che pian piano riprende forma.

Cos’è per te un giardino?
Un luogo dove il rispetto e la cura diventano i veri protagonisti.

Cos’è per te la seduzione?
La seduzione per me è la capacità di suscitare un’attrazione viva o addirittura irresistibile. I miei progetti tendono a questo.