Area Visitatore

Nel Parco. “Spazi Creativi” 2018 in concorso

“Metamorfosi” di Il papavero blu – Spazi Creativi 2017. Ph. Luciano Movio

Ecco le anteprime dei progetti finalisti al Concorso Internazionale “Spazi Creativi” 2018.
Giardini e Installazioni che i progettisti realizzano nel Parco di Villa Erba, dal 5 al 7 ottobre 2018, in occasione della decima edizione di Orticolario.

Concorrono al Premio “La Foglia d’oro del Lago di Como”, al Premio “Visitatori” e ad altri Premi. > Dettagli

Finalità del concorso è l’individuazione di progetti innovativi che presentino spunti, tecniche e materiali, in linea con le premesse, gli obiettivi estetici e gli standard qualitativi della manifestazione. I progetti devono valorizzare e interpretare le preesistenze paesaggistiche con libertà creativa e di scelte materiche e con possibilità di utilizzo dei più diversi linguaggi e riferimenti artistico/culturali.

> I progetti nel parco (.pdf)

1. “spLaYce ship”

Progetto e realizzazione Mirco Colzani . Paina di Giussano (Mb)
mircocolzani.com

Nello spazio “spLaYce ship” un mare di graminacee ornamentali e piante perenni circonda un sinuoso “tunnel vivente” dal quale emerge una cupola di rami intrecciati e in cui si entra attraverso due labirinti circolari. Lungo i confini dell’opera, i telefoni senza fili permettono di parlarsi da punti diversi.
Uno spazio perfetto e indispensabile per chi ama divertirsi a stretto contatto con la natura.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

2. Spazio Fratelli Leonelli Manutenzione e cura del Paesaggio “Good Vibrations”

Progetto di Stefania Pluchino . Castelletto Sopra Ticino (No)
fratellileonelli.it

Interazione fra spazio, strumenti e visitatore, che qui gioca con misteriosi tamburi da cui escono “good vibrations”.
La maestria dello scultore Marcello Corrà veste di leggerezza la solidità del ferro che si integra perfettamente con la delicatezza e la vaporosità delle graminacee e delle erbacee perenni autunnali. Poi anemoni, Aster, le forme solide dei Buxus e le salvie jamensis. La forma fluida del percorso accompagna in un punto dove poter suonare gli ‘hand drums’ e termina in un’area di sosta in cui contemplare il parco tra i fruscii delle foglie e le vibrazioni di energia. Ferro, corteccia, prato e un piccolo specchio d’acqua in un gioco di solidità, fluidità, leggerezza.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

3. Spazio Vivai Piante Battistini “Meet me halfway”

Progetto di Andrea Camassa . Bologna
FB: Andrea Camassa

Il progetto e le sue installazioni raccontano metaforicamente la spirale della vita, le sue contraddizioni e difficoltà, le sue oscillazioni, i suoi profumi e la sua bellezza. Una vita che vale la pena vivere giocando in compagnia, condividendo. Il cammino è ascendente e percorribile da ambo i lati, scandito da dieci cornici, cinque da un lato e cinque dall’altro, che s’incontrano su un’altalena a due posti.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

4. Spazio Associazione Animum Ludendo Coles
“Chi semina gioco raccoglie un animo fiorente e rigoglioso”

Progetto di Furio Ferri . Lodi
ludendo.it

Un percorso “salvifico” nel quale andare oltre l’affascinante ragnatela della realtà virtuale ed effimera, per lasciarci condurre dall’istinto più naturale e spontaneo nell’essere umano: giocare un gioco libero, gratuito, inclusivo. Fare esperienze dirette e reali sui giochi della tradizione popolare scolpiti nella pietra, scoprire i profumi e i colori delle salvie e delle erbe aromatiche, nei suoni armonici della natura, nel purificante scorrere dell’acqua.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

5. Spazio Green Passion “La Topitta”

Progetto di Leonardo Magatti . Cernobbio (Co)
green-passion.jimdosite.com

Un progetto dedicato agli amanti della natura. Un giardino intuitivo, in cui le piante sono protagoniste di un piacevole disordine controllato. La “Topitta” è una casetta, un rifugio nel bosco, frutto di pura fantasia e realizzata con assi di recupero. L’atmosfera è fiabesca, lo stile è naturale e armonioso fra verbene, salvie, achillee, gaure, Aster, veroniche, anemoni, echinacee, Cleome e sementi di prato fiorito naturale, dalle tinte pastello miste. Per sorprendere tutti, per trasportarci in un mondo di racconti meravigliosi.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

6. “Il gioco è il tempo”

Progetto e realizzazione di MetalliFilati . Cremona
metallifilati.com
paolomezzadri.com

“Il gioco è il tempo” è realizzato con leggerissime strutture in metallo e riporta le suggestioni vissute quando si giocava con i “legnetti” colorati per creare fantastici castelli e impossibili ponti. E quando i pezzi crollavano? Si scatenava l’infinita voglia di riprovarci e di azzardare infiniti mondi con inconsapevole creatività. Abbandonarsi al gioco per ritrovare spirito e attimi. Per ricostruire parti di noi e condividere parti di altri.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

7. Spazio Figli dei Fiori “Castelli di salvia”

Progetto e realizzazione di CIRIBÌ . Como
figlideifiori.com

Il gioco delle bolle di sapone (sfere in policarbonato), soffiate da una figura fiabesca (rete metallica), sospinge la salvia verso il cielo, poi la adagia su un tappeto di foglie percorso da un sentiero in legno. Alcune bolle racchiudono una grande foglia di salvia realizzata con un intreccio di tessuti. Altre, come in un incantesimo, si trasformano in pianta viva. Habitat sospeso tra terra e cielo, dove il potere salvifico della salvia, in varie declinazioni materiche, rinforza e lenisce lo spirito, tra suoni e silenzi.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista

8. Spazio Jolly PVC “V.Rubik, l’orto modulare”

Progetto di Marco Bellotti . Traona (So)
marcobellotti.com

“V.Rubik e l’orto modulare”, presentato in anteprima a Orticolario 2018, è un progetto che crea moduli componibili ad incastro realizzati in PVC riciclabile, che non teme l’usura e cromaticamente personalizzabile. La zona dedicata all’orto con Salvia, sedute e composizioni floreali, si alterna all’area lounge per un relax vista lago. Comporre e ricomporre per una visione più dinamica che segue il mutare degli spazi e delle esigenze.

> Anteprima del progetto e chi collabora alla realizzazione (.pdf)

> L’intervista